5 minuti con THIN THINGS | Giustacchini

5 minuti con THIN THINGS

Bling bling

Iniziamo la settimana trascorrendo 5 Minuti con Margherita, creatrice di Thin Things, piccole creazioni HANDMADE. Li abbiamo scoperti tra un mercatino e l’altro e ci hanno letteralmente rubato il CUORE!
Non potevamo non condividerlo con voi 🙂

Thin Things

– Parlaci di te, vogliamo farci i fatti tuoi!
Sono Margherita, nata e crescita a Milano dove, da un paio di anni, ho intrapreso la carriera di orafa senza aver mai fatto nulla di simile prima. So che quando pensate all’orafo vi immaginate un caro vecchietto che lavora nella sua piccola bottega… ecco, io sono la versione femminile e giovane 🙂

È nato tutto un po’ per caso, o meglio dopo aver imparato a prendere decisioni di pancia in seguito a scelte universitarie piuttosto sbagliate e brutti sogni dovuti a cene pesantissime!

– Come ti è venuta l’idea di Thin Things?
Sinceramente proprio A CASO: stavo per finire la triennale in Design della Comunicazione al Politecnico di Milano e poi boh, hai presente quando senti che non stai seguendo la strada giusta? DATEMI UN TOM TOM!

Così, una mattina sul treno che mi portava in Bovisa ho avuto l’illuminazione: avrei cercato una scuola che mi insegnasse a fare gioielli. Da lì a qualche mese ho iniziato la Scuola Orafa Ambrosiana e, una volta conclusa, mi sono lanciata nella creazione dei primi gioielli sottili, partendo dal cerchio semplice, anello che avrei sempre voluto ma non avevo mai trovato. Mi sono quindi affezionata alle linee sottili e ne ho fatto il mio cavallo di battaglia realizzando svariate forme e collezioni.

Thin Things

– Ma come fai a creare queste “favolette”?
Tutto parte dalla fusione del metallo. L’argento che si usa per i gioielli è costituito per 925/1000 da argento puro e per il restante 75/1000 da rame, per questo viene definito argento 925- che porta alla realizzazione di un lingottino. Da lì lavoro il lingottino in modo da farlo diventare filo, processo un poco lungo dato che il metallo oppone resistenza e rischia di rompersi o scheggiarsi. Una volta che ho il filo pronto mi munisco di pinze di varie forme per dar vita ai miei anellini, il tutto però solo dopo essermi fatta un progetto e disegno su carta.

Thin Things

– La tua creazione del cuore?
Credo di poter dire senza molti dubbi che il pezzo a cui sono più legata sia l’ananas in quanto è sicuramente stato il più complicato ma, una volta realizzato, mi ha davvero riempito di felicità!

Thin Things collezione Fruits

– I tuoi Buoni propositi per il 2017? Non so se hai letto i nostri ma noi abbiamo parecchio da lavorare!
Sicuramente nuove collezioni ma, soprattutto, il grande sogno nel cassetto è aprire un e-commerce tutto mio in modo da allargare il pubblico di Thin Things e rendere l’acquisto ancora più semplice.

Poi mercatini come se piovessero: L’HANDMADE per me è un mondo bellissimo, costituito da artigiani che danno vita a prodotti unici e originali. Frequento molti mercatini come venditrice ma divento quasi sempre anche cliente dato che trovo oggetti che catturano immediatamente la mia attenzione e da lì è un attimo tirare fuori il portafoglio 🙂

Thin Things collezione signet
Potete trovare Margherita e le sue creazioni a questi indirizzi:
 Thin Things
 Facebook
 Instagram

Lascia un commento

Non perderti nessuna novità!

* Acconsento al trattamento dei miei dati personali per scopi promozionali, commerciali, marketing e proposte di vendita diretta, come illustrato nell'informativa sulla privacy