Chi l'ha detto che in Scozia piove sempre??? | Giustacchini

Chi l’ha detto che in Scozia piove sempre???

Edimburgo… Che piacevole sorpresa.
Mi aspettavo vento, pioggia e gelo nelle ossa, invece con grande sorpresa ho avuto la fortuna di godermi delle miti giornate di sole.

Prima volta nella capitale scozzese e chissà perché io me la immaginavo un po’ come Londra, bella, immensa e caotica… Invece tenete l’aggettivo bella ma sostituiteci raccolta, vivibile, giovane e verdissima. Grandi parchi e alberi secolari in ogni angolo, il mare in lontananza e le colline che circondano la città, rendono Edimburgo il perfetto mix di urban & nature.

Castello di Edimburgo Hogwartz

 

La città è perfetta per il weekend, in 2-3 giorni si visita tranquillamente, potendo godere dei musei nazionali che sono tutti gratuiti, da buona tradizione UK. Ad entrata libera è anche il meraviglioso Royal Botanic Garden con piante e fiori di ogni specie, scoiattolini e uccelli colorati che gironzolano per i giardini curati in ogni minimo dettaglio.

Passando alla questione food…che se parlassimo con i miei nonni sarebbe il primo e il principale argomento toccato! Una cosa assolutamente fantastica, per chi come me ha intolleranze alimentari, è l’attenzione che ogni locale pone sulle scelte alimentari: latte, glutine, vegetariano, vegano.
In ogni locale in cui siamo stati c’era la possibilità di sostituire il latte con il latte di soia, erano indicate le portate prive di glutine, quelle vegetariane e vegane… In tutti!!! Vi rendete conto? In Italia io m’imbarazzo a domandare se è possibile avere un piatto senza latticini perché sembra di chiedere la Luna. Inoltre, la maggior parte degli ingredienti erano marchiati con il bollo del “Fair Trade” anche qui una cosa che in Italia è solo per pochi illuminati…

Ecco qualche indirizzo piacevole, con buon rapporto qualità prezzo…

– Colazione da Loudon’s Cafè

Loudons cafè & bakery edimburgo

Caffetteria e forneria artigianale, il sabato e la domenica fanno brunch fino al pomeriggio.
La scelta è ampia sia per la colazione dolce che salata, potete scegliere tra salsicce, uova e bacon fatti al momento oppure perdervi sul tavolo con esposte torte, brioches, pane e marmellate di tutti i tipi. Io mi sono innamorata del latte tiepido (di soia ovviamente) aromatizzato con cannella e arricchito con quinoa, frutta secca e frutta fresca… 😛

– Pranzo da Larder

Larder Edimburgo

In pieno centro, in una piccola traversa del famoso Royal Miles c’è Larder Delicatessen: una graziosa gastronomia che prepara zuppe, sandwhich, dolcetti e piatti freddi esclusivamente con prodotti “organic” come dicono loro quindi biologici. Io ho assaggiato la zuppa di carote e coriandolo, ottimo l’abbinamento con il coriandolo fresco, e un sandwhich con patè d’aringa affumicata e crescione; ma non immaginatevi il sandwhich del bar all’angolo che vi guarda di sbieco con il suo pane al latte chimico e la maionese arancione… Questi sono signori sandwich! Con pane ai 5 cereali preparati al momento e a vista, con tutti prodotti freschi… Talmente buono che ho ordinato anche il secondo (fuck the diet!)

Il tutto è stato annaffiato da un interessante cola, fatta solo con aromi naturali dal buon retrogusto di zenzero. Insomma se siete ad Edimburgo non potete perdervelo.
NB: Vi consiglio di non ordinare diet coke o cose simili… Il cameriere potrebbe offendersi 🙂

– Cena da Mums, Great Comfort Food

La mia prima cena è stata al Mums, localino ccciovane un po’ hipster con arredamento volutamente post sessantottino con carte da parati optical. Il personale molto cordiale e il cibo davvero interessante.

Abbiamo provato il famoso Haggis, il piatto tradizionale scozzese: è un insaccato di interiora di pecora (cuore, polmone, fegato), macinate insieme a cipolla, grasso di rognone, farina d’avena, sale e spezie, mescolati con brodo e bollite tradizionalmente nello stomaco dell’animale per circa tre ore. Spaventati???  Io un po’ lo ero. In realtà il gusto è ottimo, certo devono piacervi i sapori un po’ forti e speziati ma vale davvero la pena provarlo. Viene servito su uno strato di pure di patate dolci e patate normali e nappato con una salsa che aiuta a legare tutti i sapori.

Oltre all’Haggis ho assaggiato una sorta di pie salata (in parole più semplici una quiche) composta da una piccola casseruola contenente zucca e altre verdurine e ricoperta da pasta sfoglia, il tutto cotto al forno. Il piatto si presentava molto bene con questa cupola vaporosa di pasta da rompere e mangiare insieme alle verdure cremose e saporite… Yummy!!!

Mums Great Comfort Food Edimburgo

Edimburgo consigliatissima rilassante, cordiale e dinamica, anche un po’ ubriaca… Se c’è la partita in tv!

Lascia un commento

Non perderti nessuna novità!

* Acconsento al trattamento dei miei dati personali per scopi promozionali, commerciali, marketing e proposte di vendita diretta, come illustrato nell'informativa sulla privacy