Tutti pazzi per il pack! | Giustacchini

Tutti pazzi per il pack!

Non so voi, ma quando inizio a vedere le lucine e gli sbrilluccichi di Natale nelle strade, il mio cuore si riempie di gioia. È il segnale che posso finalmente tornare a dare libero sfogo alla mia passione/ossessione per il craft: carte, nastrini, glitter, decori, pennarelloni colorati e chissà cos’altro si sono inventati ancora quest’anno. Adoro!

Di contro, devo però svelarvi un piccolissimo segreto (solo perché non conoscerete mai la mia vera identità!). In realtà, più che un segreto, è quasi una confessione.
Io riutilizzo i regali per farne altrettanti a persone a me non particolarmente care! In altre parole… li riciclo! Ebbene sì. Don’t you dare judge me!

Non riuscirete mai a convincermi che non sia una soluzione socialmente utilissima! Perché sprecare quel carillon inutilizzabile che farebbe in realtà tanto piacere alla tua zietta vintagestyle? Oppure perché non usufruire di quelle cose improbabili (e per fortuna unisex!) che ti regala quella tua amica gentile? Ammettiamolo: tutti noi abbiamo una cugina che ogni Natale invita all’ultimo momento il suo nuovo boyfriend… E ancora, chi non ha quel parente di ottavo grado che non si vedeva da quando era in fasce e che carramba che sorpresa arriva dal Brasile giusto in tempo per lo scambio dei regali la sera prima della Vigilia?!

Riutilizzare creativamente i regali è il nuovo must! Il top poi è poter riutilizzare i regali non graditi rifilandoli a persone che rivedi (tuo malgrado) a Gennaio!
E allora via libera al “riciclo creativo”! Fa bene all’ambiente, è hipster e socioecobiocompatibile q.b.!

L’importante è focalizzarsi sul packaging: decorare pacchetti e scatoline con fiocchi dorati, abbellire confezioni regalo e utilizzare pochette in tessuto con maxi paillettes dorate.

Quest’anno ci sono tantissime alternative super cool e di design. Possiamo sbizzarrirci e riutilizzare poi il tutto come arredo per la casa, contenitori e portagioie. Quest’anno la nuova collezione Natale è talmente bella da diventare essa stessa già un meraviglioso regalo.

Sarà una mia mania, ma adoro tantissimo riempire la casa di pacchi e pacchettini o concentrarli sotto l’albero.

Amo l’attesa: in fondo rende l’atmosfera delle feste ancora più magica!

Ecco quindi un elenco di cosine carinissime tra cui possiamo sbizzarrirci per creare dei pacchettini deliziosi:

1. Nastri in tessuto e fili decorati! Quest’anno ce ne sono tantissimi e tutti molto particolari. I miei preferiti sono quelli in velluto da abbinare a materiali grezzi come il cartone. Oppure quelli a che sembrano dei fregi corinzi: sono perfetti da riutilizzare una volta passate le feste come greca intorno agli stipiti delle porte.

nastri natale 2017 velluto

2. Decori con stelline in legno e materiali naturali sono perfetti da abbinare a qualcosa di frivolo, come paillettes, lustrini e brillantini. L’importante è creare un contrasto scintillante che scaldi il cuore e illumini le feste!

confezioni natale pacchetti 2017

3. Possiamo scegliere tra tantissime carte da regalo super luminose o dai colori puri e intensi in contrasto con oro e argento. Queste consentono di ottenere un effetto moderno e allo stesso tempo elegantissimo. Scegliamo tra modelli dai colori simili o complementari e mixiamo le fantasie: riusciremo ad ottenere un effetto davvero particolare e sofisticato!

carte da regalo natale 2017

4. Nastri in tessuto intrecciato e passamanerie decorate sono perfette da associare a nastri grezzi in lino e colori naturali. Il mio preferito quest’anno è un nastro in lino grezzo che sembra quasi un ramo di sempreverde. Mi piace tantissimo accostato al velluto dai colori intensi, come il verde muschio o il bordeaux.

nastri intrecciati

5. Oppure usiamo fili metallici e una pioggia di stelline e campanellini! Vi sentiranno arrivare a chilometri di distanza. I più temerari invece non temeranno di utilizzare fili di lucine a batteria per confezionare regali per i più piccolini che saranno letteralmente abbagliati da questo effetto!

6. Una cosa che mi piace moltissimo è confezionare pacchettini con carta avana e sostituire i nastri con della lana o del twine rosso e bianco. La trovo una soluzione deliziosa per le amiche amanti dell’handmade e del knitting.

knitting pacchetto regalo

7. Le mollettine in legno natalizie sono un ottimo modo per chiudere confezioni moderne e i sacchettini piene di delizie, soprattutto se al loro interno contengono cibi fatti in casa o ricercati infusi. Mescolando essenze particolari e abbinandole alle personalità delle nostre amiche più esotiche avrete realizzato un regalo top!

mollettine legno confezioni natale 2017

8. Che ne dite poi di un set composto da nastro bicolore e etichette? Può essere utilizzato in modo creativo forando i tag e facendo passare all’interno dei fori il tessuto per creare una specie di greca (e per evitare il goffo tentativo di tutte le pasticcione come me di fare fiocchetti anche solo lontanamente presentabili!).

pacchetti diy natale

9. Un’altra cosa che mi piace moltissimo è sovrapporre due diverse carte e ritagliare quella sovrastante in modo da lasciar intravedere il foglio colorato sottostante. Un consiglio: fare prima dei disegni a matita e poi ritagliare il tutto prima di confezionare il pacchetto.

10. Pompon in lana in diversi colori e dimensioni sono la novità dell’anno e sono bellissimi come chiudi pacco per animare la confezione! Mi piace moltissimo abbinare pompon giganti a mini pacchettini o pacchettini enormi con una pioggia di mini pomponcini!

pompon pacchetti natale

11. Infine, adoro utilizzare tessuti al posto della carta da regalo come vuole la tradizione furoshiki. Per chi non lo sapesse, è l’affascinante arte giapponese di avvolgere, contenere e trasportare oggetti di ogni forma. La trovo un’alternativa elegante ed ecologica per preparare originali pacchi dono.

furoshiki wrapping

Buon impacchettamento a tutti!

Lascia un commento

Non perderti nessuna novità!

* Acconsento al trattamento dei miei dati personali per scopi promozionali, commerciali, marketing e proposte di vendita diretta, come illustrato nell'informativa sulla privacy